Questo sito utilizza cookie per gestire, personalizzare e ottimizzare la Vostra esperienza di navigazione del sito, rispettando la privacy dei dati personali e secondo le norme vigenti. Proseguendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni Vi invitiamo a consultare la pagina relativa all’informativa.

 

 

TERMOSTUFA DA INTERNI VERNER IK 13.10.2VERNER IK13.10.2 - Termostufa a legna

Le termo-stufe ad acqua della serie IK13.10.2 sono generatori di calore per interni alimentati con legna pezzata da 35cm e/o con bricchetti di legna vergine pressati e non richiedono apporto di energia esterna per il ciclo di combustione. Sono state studiate e realizzate per funzionare a fiamma tradizionale e con tiraggio naturale, le particolari soluzioni le rendono economiche sia nella fase d’acquisto che nella gestione, pur avendo un coefficiente di rendimento molto elevato per questa tipologia di generatori 87,4%.
Oltre alla robusta struttura e alla particolare cura estetica riposta nella finitura dell’involucro esterno, la IK13.10.2 si avvale di particolari soluzioni tecniche che la rendono unica nel suo segmento. Il sistema di accesso al  vano di carico/camera dicombustione costituito da uno sportello interno con doppio vetro per una forte riduzione delle dispersioni termiche all’ambiente ed uno esterno con doppia funzione, tecnica per ridurre ulteriormente l'emissione di calore ed estetica per mantenere il vetro pulito. 
Interessante anche la presenza delle griglie mobili superiori che in fase d’accensione fungono da serranda deviatrice dei fumi in presa diretta sulla canna fumaria, il loro ripetuto azionamento serve invece per la pulizia dello scambiatore stesso. Nella parte inferiore un analogo meccanismo quando azionato, ad esempio prima di iniziare un ciclo di combustione, pulisce la griglia dai residui della precedente combustione.
 

01 200 Leva sup IK

Leva griglia mobile superiore

 

02 200 Fronte vano carico IK

 Vista vano di carico

 

03 200 Sportelli fronte IK

 Dettaglio sportelli frontali

 

04 200 Grglia mobile inf IK

 Vista braciere e griglia mobile

 

05 200 Sist pesa legna

Vista sistema regolazione aria

Altra particolare innovazione è l’ingegnoso sistema di regolazione d’apporto dell’aria comburente che gestisce l’apertura o la chiusura in automatico della serranda di presa esterna. Il controllo dell’aria comburente avviene secondo impostazioni di fabbrica e si basa sul principio delle bilancia a bascula dove il peso della legna sul braciere aziona il sistema di leve che aprono o chiudono la feritoia da cui viene introdotta l’aria comburente.

CARATTERISTICHE PRINCIPALI

  • Termo-stufa ad acqua con doppio fronte di carico
  • Potenza nominale 13kW
  • Distribuzione del calore:
    • Potenza nominale trasmessa all’acqua 11,5kW%
    • Potenza nominale trasmessa all’aria 1,5kW
  • Rendimento 87,4%
  • Durata della combustione fino a 12ore
  • Funzionamento con canna fumaria a tiraggio naturale
  • Non è richiesta energia elettrica per il processo di combustione
  • Alimentazione con legna pezzata da 35cm o tronchetti pressati
  • Attacco per presa aria dall’esterno
  • Doppio vetro su sportello tecnico interno (accesso camera di combustione)
  • Vetro termico su sportello estetico esterno
  • Pulizia semiautomatica degli scambiatori superiori
  • Pulizia semiautomatica della griglia inferiore
  • Pannelli interno vano di carico sostituibili
  • Sistema di pesatura della legna
  • Regolazione aria comburente in base al peso della legna
  • Possibilità di funzionamento senza accumulatore termico
  • Colori disponibili: nero, nero/bronzo, nero/argento

 

           
 Presentazione stufa Serie K13   Ricarica combustibile stufa IK13

 

 

 

 

 

 

 

DATI TECNICI 

 
   
    DATI  TECNICI U. mis. IK 13.10.2  
  DATI TECNICI U.Mis. IK 13.10.2  
   Potenza termica nominale  kW  13,0  
  Potenza termica irradiata kW 11,5  
  Potenza termica irradiata kW 1,5  
  Rendimento % 87,4  
  Combustibile ammesso   Legna pezzata cm.35 e/o tronchetti pressati (um. 20% max)  
     Consumo medio alla potenza nominale kg/h  3,6  
  Durata di una carica (11kg alla potenza nominale) h 3  
  Durata combustione di una carica completa (a potenza nominale) h 8  
   Volume del focolare  L 110   
   Volume del vano di carico  L 25   
   Volume cassetto cenere  L 16   
   Temperatura fumi  °C  250  
   Portata massica fumi  (alla potenza nominale)  g/s  9,5  
   Peso caldaia  kg 285   
   Volume acqua in caldaia  L  25  
   Perdite di carico a  70  90°C  Pa  5  
  Tiraggio minimo richiesto in canna fumaria Pa 15  
  Sezione minima canna fumaria cm² 250  
  Classe emissiva EN 13240   EN 13240: 2002 / A2: 2005  
  Classe energetica   A  
  Classe ambientale      
 
 
 
 

 

    1 Sportello estetico esterno con primo vetro 14 Deflettore automatico contenimento fuoriuscite di fumo  
    2 Sportello interno tecnico con doppio vetro 15 Sonda segnalazione continuità fiamma  
    3 Pannello di protezione del sistema di pesatura 16  Attacco presa aria esterna  
    4 Cassetto raccolta cenere 17  Targhetta identificativa  
    5 Attacco scarico fumi  18  Attacco ritorno 1”1/4 F  
    6 Griglia fissa inferiore del braciere 19  Attacco ½” F  
    7 Griglia frontale braciere contenimento legna e braci 20  Attacco ½” F  
    8 Contrappeso del sistema di pesatura a bascula 21  Sportello posteriore accesso vano di carico  
    9 Sistema di controllo della potenza 22  Sportello accesso zona ispezione e pulizia cenere  
  10 Scivolo raccolta e convogliamento cenere nel cassetto 23  Leva posteriore griglia mobile pulizia braciere  
  11 Attacco mandata 1”1/4 F 24  Leva post. griglia mobile pulizia scambiatore superiore  
  12 Leva anteriore griglia mobile pulizia braciere 25  Leva ant. griglia mobile pulizia scambiatore superiore  
  13 Leva anteriore serranda presa diretta scarico fumi      

  

 

 

 

   
1 Sportello frontale doppio con triplo vetro
2 Sportello posteriore carico combustibiule (Opzionale)
3 Vano di carico e/o camera di combustione
4 Grigia contenimento legna e braci
5 Griglia fissa in ghisa
6 Leva azionamento griglia mobile per pulizia griglia fissa
7 Cassetto raccolta cenere
8 Sistema di regolazione aria comburente a bascula
9 Scambiatori laterali e superiori ad acqua
10 Deflettore automatico contenimento fuoriuscite di fumo
11 Leva azionamento griglia deviatrice fumi e pulizia scambiatore verticale
12 Attacco scarico fumi

 

 

 

Prima di iniziare il ciclo di combustione è bene effettuare la pulizia della griglia inferiore del braciere (pos.5), azionando la griglia mobile con l’opportuna leva (pos.6) e poi la pulizia dello scambiatore superiore con la relativa leva (pos.11). Dopo quest’ultima operazione è consigliato lasciare la griglia in modalità "deviatrice fumi” (leva tirata in avanti) in modo che la camera di combustione siaTermo stufa per interni VERNER IK 13.10.2 - Dettaglio leva deviazione fumi in presa diretta con la canna fumaria, in questo modo il percorso fumi viene notevolmente ridotto, la depressione è concentrata sul fronte di carico e la velocità d’aspirazione aumentata per la riduzione dell’area frontale dovuta all’inserimento del deflettore di riduzione automatico (pos.10) che si posiziona a sportello aperto. Il carico della legna pezzata da 35cm (pos.3) viene effettuato dallo sportello anteriore (pos.1) e nel caso del modello a doppio fronte di carico anche dallo sportello posteriore (pos.2). Quando si effettua la prima accensione è possibile gestire meccanicamente la quantità d’aria comburente apportata agendo sul sistema a bascula (pos.8) che regola l’apertura della serranda. Questa regolazione alla prima accensione è meglio non utilizzarla affinché la combustione avvenga alla massima potenza e solo dopo qualche tempo si regola in base alle proprie esigenze ed al fabbisogno energetico del fabbricato. A combustione completamente avviata, con i fumi caldi e la canna fumaria riscaldata, si riporta la serranda deviatrice (pos.11) in posizione di riposo, la griglia così posizionata termina la funzione di serranda deviatrice e occludendo la presa diretta con la canna fumaria obbliga i fumi a cambiare percorso. Naturalmente con la serranda deviatrice chiusa i fumi, per depressione indotta dalla canna fumaria, cambiano percorso e vengono costretti a defluire prima attraverso i condotti laterali, posti a fianco della camera di combustione, e poi a scambiare l’energia termica con gli scambiatori verticali ad intercapedine d’acqua (pos.9). Dopo essere transitati nei vari scambiatori i fumi raffreddati e impoveriti di polveri vengono definitivamente espulsi in canna fumaria (pos.12).