Questo sito utilizza cookie per gestire, personalizzare e ottimizzare la Vostra esperienza di navigazione del sito, rispettando la privacy dei dati personali e secondo le norme vigenti. Proseguendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni Vi invitiamo a consultare la pagina relativa all’informativa.

BRUCIARE LEGNA SENZA AUMENTARE L'INQUINAMENTO   (In costruzione)

La legna permette uno sfruttamento energetico sostenibile e può essere considerata come una sorta di serbatoio di energia solare. Le moderne tecnologie hanno permesso di sviluppare caldaie di riscaldamento di alta qualità con altissimi rendimenti e ridotte emissioni inquinanti, pressoché pari a quelle naturali. La combustione della legna garantisce un bilancio neutro delle emissioni di CO2 (anidride carbonica) e quindi non incrementa l'effetto serra. In sostanza, la quantità di CO2 rilasciata dalla legna in fase di combustione viene compensata dalla stessa quantità assorbita durante il ciclo d’accrescimento della pianta nel bosco. E’ bene ricordare che la stessa quantità di CO2 verrebbe liberata comunque nell'atmosfera, anche lasciando il legno a marcire naturalmente nel bosco. Il bilancio quindi rimane assolutamente invariato senza esercitare alcuno sfruttamento selvaggio. 

caldaia, ai rivestimenti refrattari che preservano la struttura metallica dalle altissime temperature sviluppate durante la combustione e alla caratteristica di avere tutti gli sportelli operativi, d’ispezione e pulizia posti frontalmente (vedere schemi illustrati). Sono prodotte nei modelli Biovent C15 (15kW) e Biovent C22 (22kW). Soddisfano la norma EN303-5:2012-Classe 5.